Il premio nobel per la pace racconta…

TITOLO: Il banchiere dei poveri
AUTORE: Muhammad Yunus

Oggi vi presento un saggio, scritto dal premio nobel per la pace nel 2006. Muhammad Yunus vive in Bangladesh, uno dei paesi più poveri del mondo.I trenta miliardi di dollari di aiuti internazionali non bastano ad arginare la situazione di povertà che dilania il paese. Ma è proprio qui che nasce la Grameen Bank e con essa un’idea per far sparire la povertà dalla faccia della terra, un’idea che oggi viene studiata in tutte le facoltà di Economia del mondo. Il professore Yunus trova il modo nel 1976 e fonda la Grameen Bank, inventa la prima banca al mondo  che effettua prestiti ai più poveri tra i poveri basandosi sulla fiducia. E’ la nascita del Microcredito.

Da allora la Grameen Bank ha erogato più di 5 miliardi di dollari ad oltre 5 milioni di richiedenti. Per garantirne il rimborso, la banca si serve di gruppi di solidarietà, piccoli gruppi informali destinatari del finanziamento, i cui membri si sostengono a vicenda negli sforzi di avanzamento economico individuale ed hanno la responsabilità solidale per il rimborso del prestito.Il successo è stato quasi immediato ed  ha ispirato numerosi altri esperimenti del genere nei paesi in via di sviluppo e in numerose economie avanzate. Più del 90% dei prestiti della Grameen è destinato alle donne: tale politica è motivata dall’idea che i profitti realizzati dalle donne siano più frequentemente destinati al sostentamento delle famiglie.
In questo libro accessibile a tutti e non solo ad esperti del settore, il professore Yunus ci racconta con semplicità il suo progetto.
Il libro è scorrevole, di facile comprensione e molto interessante. Lo sviluppo del microcredito viene narrato con la suspense di un romanzo.
Consiglio questo libro a tutti, perché ci fa capire come a volte le cose semplici, basate sulla fiducia, possano risolvere problemi complessi che ci sembrano irrisolvibili.
Voto 9/10